Also Featured In

    Like what you read? Donate now and help me provide fresh news and analysis for my readers   

© 2023 by "This Just In". Proudly created with Wix.com

Diario: giovedì 29

June 6, 2017

 

Giovedi 29

Ore 7,30 Ancora nessun segno degli Ibis

Brevissimo collegamento Internet che ha consentito a tutti di ricevere le e-mail

Maria sta meglio , ha dormito e fatto abbondante colazione Certo poveretta sola con tutti sti babbioni

Raccontata la storia biblica “ Susanna fra i vecchioni”.

Ore 8,30-10,30 Riunione con Wolderufael, Andom Gennet , Asmerà ( interprete) , Gambetta

Dopo convenevoli, ringraziamenti e quant’altro di educato si entra nel merito. Mi si chiede la mia impressione e riferisco  dei miei giri e colloqui dai quali viene fuori un’impressione più che positiva della comunità ( Asilo Agricoltura, Mucche ecc forse con la sola eccezione della Maglieria) mentre è molto deludente quella dell’ospedale : la parte ambulatoriale funziona mentre le corsie sono vuote ( 3 bambini in pediatria, meno di 10 adulti) Provoco chiedendo che scopo c’è nei nostri sforzi se l’ospedale è vuoto? Conosco e capisco i gravi problemi finanziari ma per trovare nuove risorse e motivare eventuali sostenitori-finanziatori, c’è bisogno che l’ospedale funzioni altrimenti non c’è speranza. Per Quihà si parla di necessità pari 23000 euro mese ( tutte le tabelle dei conti che ho fatto in altra sede) e per Garbo di circa 70000euro l’anno. Cifre enormi che sono giustificabili solo se l’assistenza complessiva è impeccabile ed anche in questo caso sembra improbabile riuscire a far fronte a tali necessità ma  requisito indispensabile è che i denari vengano spesi al meglio facendo anche delle scelte di priorità.

Wolderufael ribadisce che se non si risolve il problema dei salari ( aggiornamento del 30-40% a causa dell’inflazione, circa 3000 euro al mese) l’attuale situazione non può che peggiorare e che la decisione di chiudere la mensa del personale si è rivelata un Boomerang. Propone di discutere sulla introduzione di alcune forme di autofinanziamento chiedendo un contributo ai pazienti ( con la ovvia eccezione dei poveri con certificato di povertà) per la chirurgia minore e con la apertura in ospedale di una Farmacia “commerciale” da affiancare al dispensario ( in sostanza per quei pazienti che devono comunque comprare i farmaci fuori) ed altre da individuare  Propone inoltre di aprire una linea di attività clinica di Dermatologia, anche in-patients. Assicura la propria disponibilità professionale per 2 gg a settimana. Siamo d’accordo ma richiediamo un progetto dettagliato sia sull’attività Dermatologica che sui programmi di autofinanziamento, progetto che Lui garantisce sarà pronto a breve.

Ore 10,30

Maria è di nuovo quasi svenuta al tavolo. Pressione bassa. Si è ripresa quasi subito. Un po’ avvilita , ha insistito per tornare subito al tavolo: tutto bene.

Massimo ed Angelo continuano a “smazzarsi” in sala operatoria. Massimo non corre rischi di sbattere la testa sulla scialitica ma a Angelo e a Mauro è già successo! In effetti il soffitto è un pò basso

Mauro è impagabile , si dedica in tutte le maniere possibile ( fa tutto eccetto che allattare Thiodora)

Consegnati 4500 euro a Gennet ( 1700 Mauro , 1300 Io, 1000 Claudio di cui 500 in memoria di Giulietti ,il suo tecnico morto da poco, e 500 Giannini)

 

 

Ore 15

Incazzatura di Massimo: saltati 2 interventi , i malati hanno mangiato! SIC! Giro medicazioni: la prima ad essere medicata è la raccomandata (Teclè) con l’AIDS!! Vaffanculo!! Fatti togliere tutti i ferri e sospese le medicazioni. SIC!Riusciremo mai a far capire certe regole? E’ paradossale ma la chirurgia in sala è l’ultimo dei problemi in questo posto! Forse sono un po’ “colonialista” ma emerge chiara la necessità di una Direzione ( sanitaria e non) che qui non c’è e che il nostro modello fatto di missioni spot , per quanto frequenti, non può fornire.Ore 18,30La luce va via come nei giorni precedenti ( è una vera disgrazia) e torna prima di andare a letto fra acclamazioni di GiubiloIn compenso Minestrone Buonissimo!Lunghi colloqui , un po’ deprimenti, su “Elephant Woman”, una donna velata con enormi lesioni ( terato-amartomi?) del volto che obliterano gli occhi e simulano una “proboscide” Fatte foto per programmare un eventuale trattamento in Italia ( necessario un approfondimento diagnostico con TAC ed Arteriografia) Non sarà facile superare le difficoltà burocratiche sia in Italia che in Etiopia.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Who's Behind The Blog
Recommanded Reading
Search By Tags

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Follow "THIS JUST IN"
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
  • Black Google+ Icon